Questa estate non restare a piedi

Da Continental Automotive il kit per riparare velocemente gli pneumatici

  • Continental Automotive presenta ContiMobilityKit che offre la possibilità di continuare a viaggiare, dopo la riparazione della foratura, per altri 200 km

  • Eccellente azione sigillante

  • Continental è fornitore leader nel Primo Equipaggiamento per i Tire Mobility Kit in Europa

  • Cinisello Balsamo (MI), 15 luglio 2016. Luglio, tempo di partenze estive in cui milioni di italiani si mettono in strada alla guida delle proprie automobili. Veicoli che col tempo si sono sempre più evoluti con l’integrazione, ad esempio, di sistemi automatizzati di aiuto alla guida, di sicurezza attiva e passiva, con optional sempre più tecnologici e avveniristici. Sempre più spesso le auto di nuova produzione sono sprovviste di ruota di scorta, che ha lasciato spazio a kit di riparazione delle forature.

I recenti sviluppi tecnologici da parte delle aziende produttrici di pneumatici rendono l’eventualità di forare meno frequente rispetto al passato. Si tratta tuttavia di un imprevisto ancora possibile, che può causare notevoli disagi a chi guida, soprattutto quando ci si accinge a partire per le agognate vacanze.

È in questi casi che i kit di riparazione costituiscono un vantaggio per gli automobilisti, che possono riparare autonomamente e velocemente i piccoli danneggiamenti subiti dagli pneumatici - dovuti ad esempio a chiodi - proseguendo nella guida del veicolo fino a raggiungere un’officina per la riparazione.

ContiMobilityKit di Continental Automotive

In un panorama di soluzioni diversificato, Continental Automotive risponde alle esigenze dei guidatori con il ContiMobilityKit, facilmente reperibile anche come ricambio presso la rete distributiva VDO, marchio del Gruppo Continental.

Alcune case costruttrici dotano le auto di una bottiglia morbida di sigillante da premere manualmente. In questo caso, Continental Automotive offre come ricambio la “Squeeze Bottle”, che contiene un liquido sigillante di alta qualità da comprimere a mano all’interno dello pneumatico una volta rimossa l’anima della valvola, che può essere utilizzata insieme al compressore fornito in dotazione sull’auto.

Il ContiMobilityKit nasce per andare in soccorso dei milioni di automobilisti che percorrono ogni giorno molti chilometri su strada", dichiara Francesco Aresi, Responsabile Commerciale della divisione Ricambi Auto di Continental Automotive. “Strade che in periodi “caldi” come quello a cui stiamo andando incontro vengono percorse dagli automobilisti vacanzieri per tragitti più o meno lunghi e in condizioni stradali di varia natura. Le forature possono comunque capitare e senza gli adeguati strumenti c’è il rischio di rovinarsi le vacanze. La soluzione offerta da Continental ha elevatissimi standard qualitativi, tipici del primo equipaggiamento e consente di riparare le forature in tutta sicurezza e tranquillità”.

Scopri di più su ContiMobilityKit: https://www.youtube.com/watch?v=0QsD63LpAes.

 

Redazione

(Riproduzione riservata ©)

 

 





ContiMobilityKit di Continental Automotive


 

In un panorama di soluzioni diversificato, Continental Automotive risponde alle esigenze dei guidatori con il ContiMobilityKit, facilmente reperibile anche come ricambio presso la rete distributiva VDO, marchio del Gruppo Continental.

LAVORO GREEN: TURISMO E... 

 

 

OFFERTA ANIMATORE SPORTIVO
Per Hotel 4 stelle sito a Lido di Camaiore  ricerchiamo con la massima urgenza un'animatore sportivo anche senza esperienza, sveglio, vivace, allegro e con una buona conoscenza degli sport.

 

Periodo lavorativo: 04/07 - 04/09. Indispensabile età minima 18 anni. 

 

Benefit:  350 Euro / mese + vitto e alloggio.

 

Si valutano anche candidatura alla prima esperienza purché in possesso delle competenze richieste. Le interessate sono pregate di inviare cv e foto a: risorse.umane@ndtanimation.it    con in oggetto: “Animatore sportivo - Camaiore"

 

 

 

 
Sicuri di un pronto riscontro ti invitiamo a visitare la nostra pagina Facebook per rimanere sempre aggiornato sulle offerte di lavoro: https://www.facebook.com/ndtanimation 



 

Francesca Germo

Resp Ufficio Personale

(Riproduzione riservata ©)

Alla Camera di Commercio di Napoli conferenza stampa sull'agricoltura


Agrinsieme Campania incontra la politica e presenta le sue proposte per lo sviluppo dell’agricoltura in Campania. Nel nuovo scenario politico-istituzionale, il Coordinamento tra l’Alleanza delle Cooperative Campania, settore agroalimentare, Cia Campania, Confagricoltura Campania e Copagri Campania richiama l’attenzione delle istituzioni e dei media su innovazione, sburocratizzazione, aggregazione, start-up e P.S.R. 2014/2020, quali temi imprescindibili per il decollo del settore e punti da iscrivere repentinamente nell’agenda del Governo regionale.

Hanno garantito la loro partecipazione alla conferenza: dott. EMILIO DI MARZIO, portavoce dell’on. Vincenzo De Luca, Presidente della Regione Campania, con delega all’Agricoltura, ON. MAURIZIO PETRACCA, Presidente Commissione Agricoltura Regione Campania, dott. CORRADO MARTINANGELO, Segreteria particolare Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali.

Nel corso del dibattito sarà annunciato anche il nuovo portavoce del Coordinamento.

Ufficio stampa

Confagricoltura Campania | Giuseppe Precchia
Confcooperative Campania | Marina Bisogno



Redazione

(Riproduzione riservata ©)

Premiazione bandi anni precedenti
Premiazione bandi anni precedenti

I Bandi Echogreen: Best Practice for

Lakes Award e Green Future Award


PERUGIA, 2 LUGLIO 2015 - C'è tempo fino al 10 agosto 2015, per inviare le proposte di partecipazione ai concorsi emanati a livello nazionale dalla Fondazione Fabbroni relativamente al Festival Echogreen. L'evento si svolgerà a Castiglione del Lago dal 18 al 20 settembre 2015.

Si tratta del "Best Practice for Lakes Award" e del "Green Future Award": importanti opportunità per tutti coloro che hanno una buona idea per migliorare il mondo.

Il primo Best Practice For Lakes Award è un’iniziativa promossa dalla Fondazione Fabbroni e dall'Università per Stranieri di Perugia - Cattedra Unesco in Water Resources Management and Culture e prevede due sezioni: la Call for Ideas , dedicata ai giovani under 35 che hanno delle idee che possano essere adattati ai territori lacustri, e la Call for Governance, dedicata alle organizzazioni ai Comuni italiani, alle Provincie, alle Regioni (o altri enti locali), alle Associazioni, alle Fondazioni e Scuole dei territori lacustri.

Il bando interessa i seguenti settori: bioedilizia, energia, mobilità sostenibile, arredo urbano, energia pulita, innovazioni tecnologiche e permacultura. La giuria selezionerà 10 progetti vincitori per la categoria "Ideas" e 5 progetti per la categoria"Governance".

La premiazione si svolgerà durante il convegno di apertura di Echogreen, la mattina di venerdì 18 settembre 2015. Ai vincitori del premio sarà data la possibilità di un intervento in cui spiegare l’idea o il progetto presentato e di ricevere poi il riconoscimento della Fondazione Fabbroni.

Premiazione bandi anni precedenti - altro particolare
Premiazione bandi anni precedenti - altro particolare

«La collaborazione con la Fondazione Fabbroni è nata lo scorso anno in occasione Conferenza Mondiale dei Laghi che si è tenuta a Perugia». Lo ha detto Chiara Biscarini, docente della cattedra Unesco dell'Università per Stranieri di Perugia. « È una conferenza internazionale che si tiene ogni 3 anni - ha aggiunto - e nel 2014 è stato scelto proprio il capoluogo umbro come sede di svolgimento. In quell'occasione tra vari progetti che erano stati presentati, la Fondazione Fabbroni si è autorevolmente collocata tra i vincitori, con il Best Practice For lakes Award, ricevendo il riconoscimento dell’Unesco per il Festival Echogreen. Abbiamo pertanto - conclude Biscarini - deciso di proseguire con questo concorso".

Il Green Future Award, invece, è riservato alle imprese che credono nel rispetto ambientale come valore culturale e responsabilità sociale. Il concorso è promosso dalla Fondazione Fabbroni in collaborazione con l’associazione Confagricoltura Umbria. Il Premio nasce con l’obiettivo di dare un riconoscimento alle aziende, che abbiano fatto del rispetto ambientale una loro responsabilità sociale d’impresa e che siano state capaci di impegnarsi a fondo dando un contributo innovativo a processi, sistemi, partenariati, tecnologie e prodotti.

Possono partecipare al concorso Green Future Award le start up, i giovani imprenditori e le imprese in generale, regolarmente iscritte alle Camera di Commercio d’Italia (microimprese, piccole, medie e grandi imprese). Le aziende devono rientrare nei settori della moda, alimentazione, salute, servizi, turismo, agricoltura, edilizia e green economy. Dovranno presentare la loro candidatura evidenziando metodi, scelte, investimenti finalizzati al proprio impegno nel rispetto ambientale. La cerimonia di premiazione del concorso Green Future Award si terrà a conclusione del Forum della green economy “Incontro al futuro” previsto per il 18 settembre 2015 ore 15.30.


Premiazione bandi precedenti - particolare
Premiazione bandi precedenti - particolare

«L'agricoltura - spiega una nota di Marco Caprai, presidiante di Confagricoltura Umbria-, da sempre, è un'attività con una forte connotazione ambientale. La nuova PAC (politica agricola comune) e i recenti orientamenti della Comunità Europea, in materia di ambiente, hanno ulteriormente rafforzato questo legame. Determinanti - afferma Caprai- sono le pratiche a basso impatto ambientale e la sostenibilità dei due capisaldi, anche per indirizzare gli aiuti al settore». In questo contesto, Confagricoltura Umbria ha, da tempo, avviato un percorso volto a promuovere l'innovazione in agricoltura come volano in grado di promuovere e mantenere la competitività delle imprese.«Stiamo puntando allo sviluppo di "best practice" e nuove tecnologie - dice Marco Caprai - per ridurre l'impronta ambientale delle produzioni agricole. Le ricadute di questo nuovo approccio - continua - possono essere importanti. L'uso razionale degli input chimici e delle risorse naturali incide fortemente sulla salubrità dei prodotti, la qualità dell'ambiente e, non da ultimo, sui costi di produzione. Ben vengano, quindi, iniziative volte a promuovere esperienze produttive virtuose da un punto di vista ambientale che accelerino il trasferimento di conoscenze tra operatori economici ».

In entrambi concorsi, i soggetti interessati dovranno presentare la propria candidatura, compilando la scheda di progetto e realizzando un poster in formato elettronico. Scheda e poster dovranno pervenire al seguente indirizzo di posta elettronica call@echogreen.eu entro e non oltre il 10 agosto 2015. Tutto il materiale si potrà scaricare al'interno del sito http://www.echogreen.eu/ cliccando nella sezione "Come partecipare".


Contatti
Promosso da
Fondazione Fabbroni
info@fondazionefabbroni.it
www.fondazionefabbroni.it

da un’idea di
Eleonora Fabbroni
contact@eleonorafabbroni.com

segreteria festival
segreteria@echogreen.eu



Redazione

(Riproduzione riservata ©)

Rimini, 5 - 6 Novembre 2014 - Edo Ronchi, alla terza edizione degli Stati Generali della Green Economy
Rimini, 5 - 6 Novembre 2014 - Edo Ronchi, alla terza edizione degli Stati Generali della Green Economy
Presentazione del Manifesto della GREEN ECONOMY per l’'agroalimentare in occasione di Expo 2015

Martedì 30 giugno 2015 – ore 14.30
Sala Aranciera del Museo dell’Orto Botanico – Largo Cristina di Svezia 24, Roma
Sarà presentato martedì 30 giugno alle 14.30 al Museo dell’Orto Botanico a Roma il Manifesto della GREEN ECONOMY per l’'agroalimentare. 

Il documento contiene 7 proposte sull’'agricoltura e sulla produzione di cibo legate alla green economy, in occasione di Expo 2015.


Il Manifesto è stato elaborato con un ampio processo partecipativo e approvato dall’Assemblea plenaria del Consiglio Nazionale della Green Economy, composto da 65 organizzazioni di imprese green e promotore, in collaborazione con il Ministero dell’'Ambiente e al Ministero dello Sviluppo Economico, degli Stati Generali della Green Economy 2015 a Rimini dal 3-4 novembre

Edo Ronchi, per il Consiglio Nazionale della Green Economy, presenterà i contenuti del Manifesto. Dopo i saluti di benvenuto di Carlo Blasi, Direttore del Museo dell’Orto Botanico, interverranno:

• Andrea Olivero - Vice-Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali
• Claudia Sorlini - Presidente, Comitato Scientifico di Expo Milano 2015
• Secondo Scanavino - Presidente, CIA (Confederazione italiana agricoltori)
• Stefano Masini - Responsabile Area Ambiente e Territorio, Coldiretti
• Massimiliano Giansanti - Vice-Presidente, Confagricoltura
• Vincenzo Vizioli - Presidente, AIAB (Associazione italiana per l’agricoltura biologica)
• Francesco Paolo Fulci - Presidente, Ferrero SpA
• Cesare Ronchi - Responsabile progetto Agricoltura Sostenibile, Barilla
• Chiara Lungarotti - Amministratore Unico, Gruppo Lungarotti
• Carmelo Basile - Amministratore Unico, Fattoria della Piana

Per maggiori informazioni sugli Stati Generali della Green Economy: www.statigenerali.org
Seguici su twitter: @statigreen - hashtag: #statigreen15 / facebook: Un Green New Deal per l'Italia.


Redazione
(Riproduzione riservata ©)
La rete dei negozi cooperativi si confronta a Bologna.
Protagoniste anche le cooperative Campane

 

Anche le cooperative campane, aderenti al progetto QUI DA NOI, la rete dei negozi di vendita diretta e promosso da Confcooperative, saranno a Bologna il 13 aprile. Si valuteranno opportunità di interscambio dei prodotti e azioni di marketing

 

Consentire alle cooperative di ampliare l’offerta dei propri punti vendita anche attraverso lo scambio tra le diverse tipologie di prodotti agroalimentari. Questo uno degli obiettivi dell’incontro “QUI DA NOI, quali opportunità” vero e proprio business forum, che si svolgerà a Bologna il prossimo 13 aprile. L’incontro, promosso da Fedagri Confcooperative, e al quale prendono parte anche molte cooperative campane (concentrate nella rete di Confcooperative Salerno) farà il punto sullo stato dell’arte del progetto Qui da Noi, sostenuto in tutta Italia e anche in Campania da Confcooperative per mettere in rete i negozi di vendita diretta delle cooperative associate.

Per la Campania sono per lo più le cooperative nella rete di Confcooperative Salernoche si uniranno a Bologna alle oltre 50 imprese provenienti da tutta Italia. Confcooperative Salerno sta difatti per costituire il Consorzio Bottega Prodotti Cooperativi Salernitani per la gestione di una bottega di prodotti cooperativi a Salerno.

La Bottega è connessa alla rete nazionale dei negozi cooperativi “Qui da noi” ed offrirà tanto ai singoli consumatori quanto a gestori di comunità e di mense prodotti agroalimentari ed ittici provenienti da cooperative operanti nel territorio salernitano, identificati sotto il marchio ombrello Prodotti Cooperativi Salernitani.

Oltre alle cooperative agricole e di pesca, interessate dal conferimento dei prodotti, sono coinvolte nel progetti, specie nei servizi annessi alla bottega, anche quelle nel settore sociale, del consumo, della produzione e lavoro.

 

QUI DA NOI

Qui da noi identifica i prodotti delle cooperative socie di Confcooperative e che aderiscono a progetto commerciale. Chi sceglie Qui da noi apprende che acquistare un prodotto cooperativo significa innanzitutto condividerne i valori. La solidarietà, la responsabilità, ad esempio, che sono anche propri dell’impresa cooperativa, soggetto di inclusione e di coesione sociale che valorizza persone, ambiente e tradizioni agricole. A tali valori intangibili si affiancano valori reali come la sicurezza alimentare, la qualità, la genuinità, la tracciabilità e la rintracciabilità dei prodotti.

 

L’INCONTRO DI BOLOGNA

Il business forum di Bologna è stato ideato e concepito dagli organizzatori come un’occasione di conoscenza e di confronto tra le diverse realtà aziendali. Esso offrirà alle cooperative che hanno aderito al progetto la possibilità di esporre e far conoscere la propria gamma di prodotti, di condividere esperienze e progetti di marketing e di valutare la possibilità di effettuare un interscambio con i prodotti commercializzati da altre cooperative.

(Riproduzione Riservata ©)

Come ideare il tuo Fashion Crowdfunding di successo

Training formativo sul Crowdfunding dedicato al settore della moda e della creatività

Special Guest: Anna Pernice fashion blogger di www.travelfashiontips.com and social media strategist

Napoli, Giovedì 26 marzo 2015, dalle ore 09,00 – alle 13,30 

presso Corso Arnaldo Lucci  156 - Interno Metropark

 Acquisto on line al link      

 http://corsofashioncrowdfunding2015.eventbrite.it

#fashioncrowdfunding                                            

La moda è passione, studio, arte, creatività, sapienza artigianale e tanto impegno.

Si esprime  in modi diversi ed è priva di confini. Abiti, borse, scarpe, oggetti d’arredo, tessuti sono parte della storia del Made in Italy che guarda al bello accompagnandolo spesso all’arte. Oggi l’innovazione ha ampliato le opportunità, i materiali si mescolano e ciò che prima era impossibile oggi diventa moda. Nascono i tessuti dalla frutta, dal riuso di materiali. Il bello e la voglia di esprimere il tuo modo di essere moda muove nuove  le energie.

 

Ma come sostenere l’avvio di idee e progetti?

Come sviluppare le nuove idee e farsi conoscere?

 

Il Crowdfunding che letteralmente si traduce finanziamento della folla è un ottimo strumento per trasformare una buona idea in un progetto di successo, farlo conoscere e promuoverlo, finanziarlo attraverso il sostegno di tanti piccoli finanziatori e soprattutto confrontarsi. Tanti i progetti di successo italiani ed esteri che hanno lanciato nuove produzioni o dato il via a piccole attività.

Il Training realizzato da Crowdfunding Formazione nasce dall’osservazione e dall’approfondimento dei migliaia di casi di successo realizzati in Crowdfunding e dallo sviluppo di un format che accompagna le persone a conoscere e comprendere il Crowdfunding e li supporta nello sviluppo di idee progettuali attraverso la comprensione degli elementi che rendono un progetto di successo.

Tanti i sogni che si sono trasformati in successo

http://www.maurizioimparato.it/crowdfunding-people/progetti-realizzati/

 

Programma

  • Idee: al finanziamento alla comunità
  • Il ruolo delle relazioni tra le persone e la comunità.
  • Chiedere, ricevere, donare, offrire.
  • Il Crowdfunding ovvero la colletta nell’era 2.0
  • Le diverse opportunità del Crowdfunding.
  • Le piattaforme italiane ed estere.
  • Le chiavi di successo dei progetti di Crowdfunding.
  • Fashion Crowdfunding in dettaglio
  • Cosa non deve mancare ad una campagna di Crowdfunding.
  • Comunicazione on line o off line? Quella giusta alla tua causa!
  • Esame dei casi di successo fashion and style.
  • Come raccontare la tua storia in un video.
  • Quale piattaforma utilizzare.
  • Come veicolare il tuo messaggio.
  • I costi di una campagna di Crowdfunding 

 

Costo

Costo: €. 70,00 + IVA, in modalità voucher formativo, acquistabile on line con evenbrite

http://corsofashioncrowdfunding2015.eventbrite.it

Competenze

Conoscere le diverse forme di finanziamento alle imprese, distinguere tra finanziamento, Fundraising e Crowdfunding, conoscere gli elementi fondamentali per il successo delle campagne di Crowdfunding; imparare a ideare un piano di finanziamento e valutare gli strumenti di comunicazione più adatti.

Casi settoriali

·         You are magnetic wear

·         Hydro racket naturally water resist

·         THE 10-YEAR HOODIE

·         Integra – moda e sociale

·         SHELTER – Occhiali da sole

Informazioni

 

www.crowdfundingformazione.com

crowdfundingformazione@gmail.com

https://www.facebook.com/crowdfundingformazione

3286931172 – 3351235135


Redazione

Inaugurati gli eventi nazionali Sud con Gusto e Fiera della Ceramica

Al Centro Fieristico Fiere della Campania di Ariano Irpino taglio del nastro con Fulvio Martusciello per i primi due eventi della stagione 2015.

Inaugurazione pomeridiana per i primi due eventi del ricco calendario di iniziative 2015 organizzate presso il Centro Fieristico Fiere della Campania di Ariano Irpino (AV). Per la IV edizione della Fiera Nazionale “Sud con Gusto” e la prima edizione della “Fiera della Ceramica Artistica Tradizionale e dell’Artigianato 2.0”, taglio del nastro alle ore 16,00 alla presenza di rappresentati di enti e istituzioni. Già di mattina – i padiglioni del Fiere della Campania sono accessibili dalle ore 10,00 alle 21,00 – i due eventi hanno registrato un gran numero di visitatori, soprattutto studenti dei locali istituti scolastici, giunti in fiera per partecipare alle attività didattiche dedicate alla scoperta dell’affascinante mondo della ceramica e delle produzioni tipiche locali. Presente all’inaugurazione Fulvio Martusciello, Europarlamentare e Delegato Regione Campania Attività Produttive e Sviluppo Economico, che ha espresso il suo apprezzamento per l’iniziativa del Fiere della Campania, definendolo <<un punto di riferimento nell’opera di valorizzazione delle produzioni territoriali di eccellenza>> e ha poi annunciato l’imminente emanazione di un bando a sostegno dell’internazionalizzazione delle aziende.Lucio Rubano, Vicepresidente AiCC – Associazione Italiana Città della Ceramica, che ha concesso il proprio patrocinio alla prima edizione della Fiera della Ceramica presentando anche la mostra “Grand Tour”, ha posto l’accento invece sull’importanza della formazione nel settore artigianale, auspicando <<l’istituzione di una direzione generale di tutti gli istituti d’arte in risposta ai recenti cambiamenti nel sistema scolastico>>. Presenti all’inaugurazione, tra gli altri: Francesco Lo Conte; Amministratore Unico di Fiere e Congressi; Carmine Famiglietti, Presidente Comunità Montana dell’Ufita; Giovanni Maria Chieffo, Presidente GAL Irpinia. Alla tradizionale visita degli stand, svoltasi con un corteo aperto dagli splendidi abiti della stilista Adriana Monaco, che in fiera ha presentato la sua nuova linea “Villa Cesarina”, ha fatto seguito il workshop “Risultati e prospettive del ciclo integrato dei rifiuti in Irpinia” a cura di Irpiniambiente. Dopo i saluti del Generale Francesco Russo, Amministratore Unico di Irpiniambiente, si sono avvicendati gli interventi di: Felicio De Lucia, Direttore Generale di Irpiniambiente; Mario Bianchino, Presidente ATO Rifiuti; Domenico Gambacorta, Presidente Provincia di Avellino e Sindaco di Ariano Irpino e di Fabio Della Marra Scarpone, Sindaco di Savignano Irpino. Alle ore 19,00 è stata la volta, invece, del laboratorio di Degustazione organizzato dal GAL Irpinia “Spaetto irpino all’Aglio dell’Ufita e all’Olio di Ravece e se volete con Peperoncino Quagliettano”. Gli eventi in programma nell’ambito delle due fiere proseguiranno sabato con i corsi di Cake Design e con la premiazione del concorso dedicato a questa forma d’arte pasticcera, che vedrà la partecipazione straordinaria di Sal de Riso in qualità di Presidente di Giuria. Proseguiranno, inoltre, gli incontri organizzati nell’ambito della Fiera della Ceramica 2.0 e dedicati alle potenzialità della web grafica, della stampa 3d, del design autoprodotto  e del metodo “Arduino”, ultima espressione della genialità italiana applicata alla tecnologia del quotidiano. Sarà possibile visitare, inoltre, la mostra “Emozioni”, organizzata dall’Associazione Culturale Arteuropa Servizi per l’Arte e curata da Enzo Angiuoni; le espressioni artistiche dell’antico laboratorio Città di Mondovi da Cuneo, quelle del Museo Città Creativa di Ogliara, che presenteranno le opere dei ceramisti salernitani; la mostra personale “Ceramica Besio 1895” e le creazioni delle artiste ceramiste dell’Associazione Pandora. In serata continua la quarta edizione dello “Street Food Festival”, evento dedicato al cibo da strada rivisitato in chiave di tipicità locale. L’evento si concluderà domenica 22 marzo.


Redazione NeWage
La Caporedattrice
Lidia Ianuario