TELEFONO AZZURRO AL GIFFONI FILM FESTIVAL

DESTINAZIONE: LA RETE CHE CI PIACE”

 

Nei giorni di dibattito su Pokemon Go, il tema della sicurezza in rete diventa ancora più centrale

 18 luglio 2016 – “La Rete che ci piace” è la destinazione scelta da Telefono Azzurro per interpretare il tema di Giffoni Film Festival 2016. Una rete sicura, libera, a misura di bambini e adolescenti, piena di opportunità e senza rischi.

Proprio nei giorni in cui è acceso il dibattito, a livello internazionale, sui potenziali pericoli per i più piccoli di alcuni prodotti, come il recente videogioco Pokemon Go, Telefono Azzurro ritiene fondamentale confrontarsi ancora di più con i ragazzi presenti al festival sul tema della sicurezza in Rete.

Inoltre, in occasione del festival, Telefono Azzurro lancerà un concorso nazionale che coinvolgerà tutte le elementari e medie. Obiettivo: far raccontare proprio ai giovani protagonisti della Rete il tema del bullismo e del cyberbullismo, attraverso le nuove tecnologie.

Nell’ambito dei laboratori e dei workshop organizzati da Telefono Azzurro per bambini e ragazzi, con lo scopo di cercare risposte nuove al problema di un uso consapevole di Internet, sono previsti dei momenti in cui i ragazzi interrogano gli adulti sul tema del web sicuro. Proprio su questo volontari, operatori, bambini e ragazzi, in collaborazione con Edoardo Mecca, youtuber torinese, realizzeranno un video per rappresentare un momento di confronto generazionale su un tema tanto urgente quanto attuale.


Il Giffoni Film Festival rappresenta un’occasione speciale, un laboratorio innovativo e formativo unico per i giovani protagonisti del nostro Paese”, ha commentato Ernesto Caffo, Presidente di Telefono Azzurro e docente di Neuropsichiatria Infantile, “Quest’anno vogliamo che i ragazzi diventino protagonisti ancora più consapevoli di un’attività che ormai permea la loro vita: la presenza in Rete. Per bambini e adolescenti Internet è anche il luogo dove si sviluppano le emozioni: è importante insegnare loro a riconoscerle e gestirle, per evitare i pericoli ma anche per favorire relazioni di qualità

Per promuovere il tema della sicurezza in Rete, Telefono Azzurro ha lanciato la campagna DIVENTA UN DIGITAL SUPPORTER #TAdigitalsupporter, che mira a costituire una rete di volontari digitali pronti a diffondere attraverso i social informazioni e materiali sul tema dell’Internet sicuro e segnalare potenziali pericoli. chiamando subito l’1.96.96 o scrivendo a www.azzurro.it/chat.

 

Redazione

(Riproduzione riservata ©)

 


Inaugurata a Ischia la XIV Edizione dell'Ischia Film Festival

 

 

Ieri, 25 giugno 2016, splendida serata di apertura al Castello Aragonese di Ischia per la XIV Edizione dell’Ischia Film Festival, la kermesse cinematografica internazionale sulle location che valorizza il binomio Cinema&Turismo. Tante le proiezioni in calendario e gli importanti ospiti presenti.


“Ogni anno sono sempre emozionato nel dare il via all’Ischia Film Festival e il benvenuto a tutti i nostri ospiti che arrivano davvero da tutto il mondo, regalando al progetto la nota di qualità che ci onora - ha dichiarato il Direttore Michelangelo Messina, aggiungendo - Vi invito a seguire il programma di ogni singola giornata anche tramite i nostri canali social-web che sono aggiornati costantemente".

 

Tra i tanti ospiti, applaudita la presenza di Valentina Carnelutti, attrice, regista, sceneggiatrice e doppiatrice di grande talento, per la proiezione del film “Arianna”.

 

“Nel film interpreto uno dei personaggi centrali e molto complessi, la mamma di Arianna. Una esperienza intensa legata al plot della storia, in cui a prevalere sono i sentimenti e le emozioni", ha affermato Valentina, nota, tra le altre cose, anche per il pluripremiato cortometraggio “ReCuiem”, delicato e introspettivo come la voce di Francesco Tricarico che ha firmato la colonna sonora e ha esordito come attore.

 

Tra i volti maschili, interessante sottolineare la presenza del bravissimo Christian Marazziti che ha presentato uno dei lungometraggi più attesi di questa prima giornata di Festival. Parliamo di "E-Bola": "Una pellicola a cui tengo tantissimo; per me era doveroso per rendere omaggio agli operatori impegnati, a tutti i livelli, nel settore sanitario e ai tanti volontari che li aiutano. ‘E-Bola’ si ispira a fatti di cronaca realmente accaduti e che non possono essere dimenticati. Abbiamo collaborato con un team di ricercatori per rendere il tutto più realistico e, poi, la bravura degli attori ha fatto il resto", ha raccontato Marazziti.

 

Per le anteprime italiane, da segnalare la proiezione di "The heritage of love". La sorridente Karina Goglya ha affermato: “Una location incantevole quella del Castello aragonese: sono molto contenta che il film sia presentato qui ad Ischia per il mercato italiano.”

 

Tra gli altri ospiti che non si sono assolutamente sottratti ai microfoni dei giornalisti e ai flash dei fotografi, citiamo: Margarethe Von Trotta, Catherine Dussart, Anjorka Strechel e l’italiano Peppino Mazzotta noto al grande pubblico per il suo ruolo nella fortunata serie “Il Commissario Montalbano” e per la partecipazione a “Cado dalle nubi” di Checco Zalone.

 

Oggi il Festival vedrà come protagonisti lungometraggi, corti e documentari dalla bellezza esplosiva; incontri con autori e registi; un focus di approfondimento sulla meravigliosa ed inesplorata Ucraina ed un viaggio in Irpinia.

 

Sarà anche aperta una ampia finestra sull’attualissimo dramma dell’immigrazione. Grazie ad un taglio particolare, con riprese in soggettiva e dialoghi quanto più fedeli possibile alla realtà, il documentario “Respiro”, racconta l’esperienza di una giovane donna giunta, dopo mille peripezie, in Italia.

 

Importante anche il focus che sarà dedicato all’inesplorata Ucraina e la proiezione di un è un docu-film “Irpinia, mon amour”.

 

Tanti gli incontri in programma con attori e registi. Nella sezione “Parliamo di Cinema” vi saranno Vahram Mkhitaryan (regista di Milky brother), Margarethe von Trotta (regista e componente della giuria), Andrea Busa e Marco Scotuzzi (registi e presenti al Festival per “Respiro”), Federico Di Cicilia (regista di Irpinia, mon amour), Andriy Khalpakhchi (membro del Molovist FilmFestival) e Nour Gharbi (regista e produttore esecutivo, presente al Festival con Makusatsu).

 

Tra le tante pellicole, da non perdere è l’anteprima italiana di “Maggie’s Plan”, il nuovo film di Rebecca Miller, la figlia del noto drammaturgo Arthur Miller (l’autore di Morte di un commesso viaggiatore balzato agli onori della cronaca per aver sposato Marlyn Monroe), a sua volta scrittrice oltre che regista.

 

Per accedere al festival bisogna munirsi di un accredito (giornaliero o settimanale) presso l’infopoint presente al Piazzale Aragonese.

 

Redazione

 

 

 

Sabina Guzzanti e il suo film documentario sulla trattativa Stato-mafia arrivano a Somma Vesuviana.
L'evento, organizzato dall'Arci e dal movimento politico "La Città Cambia", avrà luogo nel teatro Summarte il giorno 22 aprile, e vedrà la partecipazione della stessa regista che, a seguito della proiezione, terrà un dibattito con il pubblico sui temi su cui è incentrato il film.

Fortemente discusso, il documentario racconta la storia e i retroscena delle stragi in cui, tra gli altri, persero la vita i giudici Falcone e Borsellino.

La diffusione del film sta avvenendo grazie a migliaia di cittadini che, in tutta italia, stanno organizzando proiezioni nelle sale cinematografiche dopo che quest'ultime lo avevano eliminato dalla programmazione.

Sabina Guzzanti afferma inoltre, in un post sulla sua pagina Facebook, che i politici hanno paura de 'La Trattativa' perché "racconta qualcosa che la vecchia classe dirigente ci vuole nascondere: svela i gravi errori a favore della mafia commessi da chi oggi si ritrova incredibilmente ai vertici delle istituzioni. Quando negli anni '90 l’Italia stava crescendo, quando ci stavamo finalmente per liberare della mafia e della corruzione, la nostra classe dirigente - di cui la mafia è da sempre parte integrante - si è servita delle stragi per conservare il suo controllo economico e politico.", aggiungendo inoltre che "Questo significa che l’attuale classe dirigente è figlia della Trattativa fra Stato e Mafia."

La visione del film e il dibattito inizieranno alle ore 21:00 di mercoledì 22 aprile. Il costo del biglietto è di 10 euro e può essere acquistato in prevendita presso lo stesso teatro Summarte.


Con preghiera di pubblicazione

Michele D'Avino, responsabile della comunicazione de "la Città Cambia"
Lidia Ianuario

 

CINEFORUM S. PAOLO GAY: FILM INEDITI A TEMATICA GAY-LESBICA DAL MONDO
SOTTOTITOLATI IN ITALIANO - Tutti i giovedí alle 20.30 all'ACROBAX
(ex Cinodromo), via della Vasca Navale, 6 - ROMA (metro S. Paolo).
Cena sul posto dalle 19, ampio parcheggio. INGRESSO A OFFERTA LIBERA.

Qui troverete il percorso da fare per arrivare da noi:
http://buzzintercultura.blogspot.it/2014/06/come-arrivare-allacrobax.html

- PROGRAMMA DI GIOVEDI' 9 APRILE 2015 ALLE 20,30 ALL'ACROBAX -

Film gay inedito: "Assenzio"

TRAILER, LOCANDINA E INFORMAZIONI SU COME ARRIVARE: WWW.CINEGAY.IT

regista: Hsiu-Chiung Chiang - GENERE: Drammatico - ANNO: 2008 -
NAZIONE:Taiwan - DURATA (min.): 100 - LINGUA ORIGINALE: Thai -
SOTTOTITOLI: Italiano (a cura di caprenne@gmail.com)

FLASH: Ai Cao, nata in una cittadina conservatrice di Taiwan, scopre
che suo figlio modello è gay e che sua figlia, andata a studiare in
Francia, porta a casa una figlia avuta con un uomo di colore. I valori
che per tutta la vita Ai Cao ha coltivato cadono a pezzi. Come potrà
una madre affrontare le strettoie della sua vita? E come potrà
affrontarle con il necessario coraggio?

TRAMA COMPLETA: Ai Cao, 58 anni, è nata in una cittadina
conservatrice e isolazionista di Taiwan. Da giovane, per vivere la
storia d’amore con il suo insegnante, più vecchio di lei di 20
anni, si sposa e si trasferisce a Taipei, nonostante le proteste di
sua madre. Morto il marito quando lei aveva 38 anni, ha allevato da
sola un figlio ed una figlia. Una volta cresciuti, sembra che i tempi
difficili siano passati, lei è in pensione e potrà godersi una vita
tranquilla. Ogni giorno si esercita al Tai Chi e legge un po’ di
inglese. Ogni tanto torna al paese a prendersi cura di sua madre, Yang
Guai, una vecchia preoccupata solo di comandare e mantenere la
reputazione. Fino a quando scopre che suo figlio obbediente e
rispettoso è gay, e che sua figlia, andata a studiare in Francia,
porta a casa una figlia avuta con un uomo di colore. I valori che per
tutta la vita Ai Cao ha coltivato cadono a pezzi. Scopre che i suoi
figli e lei non appartengono più allo stesso mondo. Si sente sola,
impotente e arrabbiata. In pochi decenni, Taiwan è passata da una
popolazione omogenea ad una società aperta alla cultura
internazionale. I valori tradizionali delle generazioni passate
confliggono con l’estrema individualità delle nuove generazioni.
Molte famiglie devono così fare fronte all’attuale scontro di
valori. ‘Ai Cao? si svolge nel momento di svolta più grande di
questa generazione. Di fronte al dover compiere delle scelte basilari,
un’apertura solo a metà delle idee non è più accettabile. Come
potrà una madre – e ogni persona – affrontare le strettoie della
sua vita? E come potrà affrontarle con il necessario coraggio?
(caprenne@gmail.com)

Prima del film proietteremo alcuni video e cortometraggi sottotitolati
in italiano ed inediti in italia.

1. Cortometraggio: "Between ring and pendant"
(Hong Kong 2012, 15 min.): Due ragazzi, Paul e Max trascorrono una
notte per le strade di Hong Kong, per conoscersi meglio l’un
l’altro. Mentre Paul mette a nudo il suo cuore nei confronti
dell’amico, Max è impegnato a comunicare con una ragazza, imposta
come fidanzata dalla famiglia. Paul a un certo punto mette al dito di
Max un anello. Max però si toglie l’anello dal dito e lo inserisce
come pendente nella collana che porta al collo. Questo è il segnale
che ora tutto è cambiato, nonostante le cose spingano in un’altra
direzione (caprenne@gmail.com).

2. Telegiornale: "Cile: il Parlamento ha approvato l'Unione Civile tra
coppie dello stesso sesso" [Chile. Congreso aprobó unión civil entre
parejas del mismo sexo] (Cile 2015, 2 min.): Il 28 gennaio 2015 il
parlamento cileno ha approvato la proposta di legge sulle unioni
civili fatta dalla destra, allora al governo. i militanti LGBT sono
contenti di questa legge ma dichiarano di ambire al matrimonio con una
nuova proposta di legge della sinistra, adesso al governo. Vi
ricordiamo che leggi sulle coppie di fatto o matrimoni tra persone
dello stesso sesso sono presenti in quasi tutti gli stati dell'America
anglofona e latina, cominciano a far capolino in Asia orientale e sono
presenti in quasi tutti gli stati dell'Unione Europea (Italia
esclusa).

Lidia Ianuario

(Riproduzione Riservata©)

 

CINEFORUM S. PAOLO GAY: FILM INEDITI A TEMATICA GAY-LESBICA DAL MONDO
SOTTOTITOLATI IN ITALIANO - Tutti i giovedí alle 20.30 all'ACROBAX
(ex Cinodromo), via della Vasca Navale, 6 - ROMA (metro S. Paolo).
Cena sul posto dalle 19, ampio parcheggio. INGRESSO A OFFERTA LIBERA.


Qui troverete il percorso da fare per arrivare da noi:
http://buzzintercultura.blogspot.it/2014/06/come-arrivare-allacrobax.html

- PROGRAMMA DI DOMANI, GIOVEDI' 2 APRILE 2015 ALLE 20,30 ALL'ACROBAX -

Film gay inedito: "Pa Negre"

LOCANDINA E TRAILER: WWW.CINEGAY.IT
regista: Agustí Villaronga - GENERE: Drammatico - ANNO: 2010 -
NAZIONE: Spagna - DURATA (min.): 108 - LINGUA ORIGINALE: Catalano -
SOTTOTITOLI: Italiano (a cura di Buzz Intercultura)

FLASH: Nei primi duri anni del franchismo in Spagna, in una zona
rurale della Catalogna, il 12enne Andreu incontra un giorno nel bosco
i cadaveri di un uomo e di suo figlio. Le autorità sospettano di suo
padre. Nel frattempo scopre che sua madre da giovane è stata intima
amica di un gay, Pitorliua, ucciso tempo fa. Come se non bastasse,
nuovi sentimenti cui non sa dare un nome che si svegliano in lui per
un giovane...

TRAMA COMPLETA: In Spagna nel 1936 c'è stata una dura guerra civile
che ha destituito il governo laico di sinistra democraticamente eletto
per iniziare una dittatura feroce con l'appoggio della chiesa
cattolica capitanata dal generale Francisco Franco. Durante i duri
anni della postguerra, in una zona rurale della Catalogna, il 12enne
di nome Andreu, che appartiene al bando di coloro che hanno perso la
guerra, incontra un giorno nel bosco i cadaveri di un uomo e di suo
figlio. Le autorità sospettano di suo padre, ma Andreu cercherà di
trovare il colpevole. Nel frattempo scopre che sua madre da giovane è
stata intima amica di un gay, Pitorliua, ucciso tempo fa. Come se non
bastasse, nuovi sentimenti cui non sa dare un nome che si svegliano in
lui per un giovane tubercolotico che sogna di avere le ali… Dopo
questo film, l'organizzazione del Festival internazionale del Cine
Gay-Lesbo-Trans de Bilbao, Zinegoak, ha deciso dare un premio
onorifico al regista.


Redazione 

(Riproduzione Riservata ©)

Compagnia teatrale “Vittorio Adinolfi”

 


 

 

 

 

ZTN

Zona Teatro Naviganti

 

dal 27 al 29 marzo

 

Dissolvenze

 

presenta

 

IMMAGINI DEBOLMENTE RIFLESSE

dal film “Il servo” di J. Losey e dal romanzo omonimo di R. Maugham

 

con

Giuseppe Guastaferro, Antonio Torino, Marta Grazioli, Carmen De Vita

 

Assistente alla produzione

Walter Daniele

 

Aiuto regia

Nicola Guarino

 

Adattamento e regia

Vittorio Adinolfi

 

Tony, un giovane ricco, assume come servitore Hugo Barrett. Inizialmente quest’ultimo sembra assolvere con zelo al proprio incarico e i due sembrano calarsi perfettamente nei rispettivi ruoli, di servo e padrone, ma all’apparire sulla scena della fidanzata di Tony, Susan, che si dimostra subito sospettosa nei riguardi di Hugo, la loro relazione inizia a trasformarsi.

Il testo è tratto dal film “Il servo” di Joseph Losey, del 1963, scritto da Harold Pinter (da un romanzo, 1948, di Robin Maugham).

Una vicenda, esemplare nel suo crudele svolgimento, di un rapporto ambiguo di dominazione psicologica di un uomo su un altro uomo. Un domestico prende servizio presso un giovane e, poco alla volta, rovescia il rapporto di comando e lo sottomette ai suoi capricci. Il datore di lavoro subisce il fascino del suo domestico e questi ne approfitta consapevolmente per asservirlo. Lo sviluppo dei rapporti tra i personaggi segue logiche imprevedibili ma spietate, in un’atmosfera di sfascio e di decadenza. Un gioco al massacro sui comportamenti umani, in una “rappresentazione” della fine della borghesia.

La vicenda, di questa messa in scena scritta e diretta da Vittorio Adinolfi, non si svolge in un’epoca definita. Ed i personaggi interpretati da Giuseppe Guastaferro,Antonio TorinoMarta Grazioli e Carmen De Vita si muovono in una scenografia scarna, costituita da pochi elementi, il cui vuoto viene riempito dall’ingombrante presenza del maggiordomo Barrett, e così anche lo spettatore resta invischiato nella ragnatela tessuta dal “Servo”.

 

Ingresso - intero 10 euro;

ridotto - 8 euro (under 25)

 

Programmazione:

venerdì – sabato ore 21.00

domenica ore 19.00

 

ZTN

Zona Teatro Naviganti

Vico Bagnara, 3a - Napoli

Info e prenotazioni: 339 429 0222

 

Ufficio Stampa

Iride Comunicazione

 UNA CERTA IDEA DI CINEMA DIVENTATA REALTÀ ovvero “BLIND FATE” la prima serie web ideata e realizzata in Monferrato

 

Le otto puntate in prima nazionale al PIEMONTE MOVIE GLOCAL FESTIVAL dal 10 al 14 marzo in Torino (sala Movie, Cineporto, Film Commission Torino Piemonte) Il Monferrato è il vero protagonista della prima serie per il web ideata e girata un paio di anni fa in varie locations particolarmente interessanti, quali sono l’intero complesso di Santa Croce in Bosco Marengo, il paese tutto di Frassineto Po ed i suoi dintorni, l’agriturismo La Smeralda nei pressi di Pontestura, a pochi Km da Casale Monferrato, che sormonta splendidi panorami con le anse del fiume Po. La sceneggiatura aveva inizialmente la struttura di un lungometraggio, così come è stata scritta dallo sceneggiatore alessandrino Claudio Braggio per il progetto low budget “Storie del Monferrato noir”; presentata ufficialmente nella sua prima stesura alla Camera di Commercio di Alessandria durante la Festa di San Baudolino, sabato 12 novembre 2011.

 

Da allora si sono succedute ben sette profonde revisioni, quindi le riprese sono state effettuate nel corso del 2012 per opera di tre giovani registi torinesi, Mathieu Gasquet e Simona Rapello che si sono alternati con Max Chicco per trasformare il prodotto finale in otto episodi ora intitolati “BLIND FATE” (“Destino cieco”), che prossimamente verranno resi disponibili sul web. La prima serie web ideata e realizzata in Monferrato, un noir unito alla commedia umoristica, verrà proiettata fuori concorso in prima nazionale alla 14a edizione del Piemonte Movie gLocal Film Festival che si svolgerà da martedì 10 a sabato 14 marzo 2015 a Torino, nella Sala il Movie al Cineporto, in via Cagliari 42 sede della Film Commission Torino Piemonte che pure ha sostenuto il progetto innovativo. La scelta è stata quella di proiettare due episodi al giorno, inframmezzando la proiezione dei blocchi che comprendono le 54 proiezioni dell’intero festival del cinema indipendente: il primo episodio alle ore 20,oo circa al termine del primo blocco di Spazio Piemonte, previsto dalle ore 18,30 di martedì 10 marzo, mentre parte del festival avrà luogo contemporaneamente presso il Cinema Massimo in via Verdi 18 (la programmazione completa del Festival è disponibile sul sito www.piemontemovie.com).

 

La produzione è stata curata dalla Meibi di Torino per l’associazione culturale Storie del Monferrato, con casting nei locali della Fondazione Film Commission Torino-Piemonte, con scene ambientate in Monferrato quale scelta del format, perché l’obiettivo del progetto cinematografico è quello di valorizzare le eccellenze del territorio intese come città, paesaggi, luoghi storici ed enogastronomia avviando il percorso virtuoso del cineturismo, ma anche quello di proporre ad altri registi e sceneggiatori location inedite. Grazie alla fattiva collaborazione dell’Amministrazione Comunale è stato scelto il paese di Frassineto Po, ma l’alto valore artistico di progetto e sceneggiatura ha dischiuso le porte del Complesso di Santa Croce in Bosco Marengo; senza dimenticare la preziosa collaborazione offerta dall’agriturismo Cascina Smeralda nei pressi di Pontestura.

 

Un progetto sostenuto da Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, Palazzo del Monferrato, dall’associazione Piemonte Movie, dalla Film Commission Torino-Piemonte e che si avvale del patrocinio della Camera di Commercio di Alessandria, istituzioni che hanno a cuore non soltanto lo sviluppo culturale ed artistico del territorio, ma anche la sua promozione. Una visione condivisa anche da molti professionisti di settore che hanno aderito al progetto low-budget offrendo preziosa collaborazione attori noti, a teatro e sullo shermo, e di grande professionalità come Margherita Fumero, Franco Barbero, Alessia Olivetti, Eugenio Gradabosco. Selezionate al casting anche alcune alessandrine: la fotomodella Jessica Guazzotti di Solero, Giulia Garofalo di Alessandria e Francesca Colao di Ovada. Senza dimenticare l’aiuto regia, Alessandro Gavazza di Bosco Marengo.

 

Il pubblico avrà inoltre la possibilità di condividere alcune belle scoperte artistiche quali sono i giovanissimi Giorgia Lorusso, Mariangela Cottone e Vittorio Eterno, capaci di ben figurare assieme a Elena Savio, Daniela Freguglia, Giorgio Perona, Giancarlo Colia, Pietro Di Legami, Fabrizio ed Ettore Scarpa (padre e figlio nella vita, ma non sul grande schermo). A completare il cast alcuni che in realtà non sono attori, come il musicista e compositore Claudio Vernetti, scelto perché ha il “fisico del ruolo” ed altri, piccole sorprese a far da comparse d’eccezione. La sceneggiatura è ispirata dai soggetti selezionati nel 2011 in seguito ad concorso di idee che ha posto in evidenza “Posto di Blocco” dell’astigiano Marco Matteo Bisaccia, “Grab” di Alessandro Gavazza e “Un’antica ricetta di famiglia” di Andrea Di Bartolo, e questi ultimi sono alessandrini. Sono previste altre proiezioni in vari festival cinematografici, soprattutto in Italia, sia per la buona riuscita del prodotto audiovisivo, sia per gli elementi di innovazione contenuti nel progetto, web serial che si confida avrà un seguito, anzi un sequel.


Redazione 

(Riproduzione Riservata ©)

SABATO 20 DICEMBRE VI INVITIAMO A VENIRE ALL'ACROBAX (EX CINODROMO)
CON UN DOLCINO PER CONTRIBUTO PER "TRASHISSIMA": EVENTO CULTURALE E
LUDICO GAY-LESBICO-TRANS, EVENTO IN CUI SAREMO PRESENTI CON DELLE
PROIEZIONI DI CORTI, TG E SPOT TV

L'indirizzo è via della Vasca Navale, 6 - ROMA (metro S. Paolo) -
COME ARRIVARE:
http://buzzintercultura.blogspot.it/2014/06/come-arrivare-allacrobax.html

Informazioni più dettagliate sull'evento in QUESTA PAGINA FACEBOOK:
https://www.facebook.com/pages/Traschissima-20-dicembre2014-Acrobax/807673145963228?fref=ts

----------------------------------

- PROGRAMMA -

- Ore 15,00. Il rugby contro tutte le discriminazioni:
libera rugby-allreds in minigonna (tutti) contro gli etero, amichevole
in casa.

- Ore 17,00. Dibattito politico:
la comunità glbtqiz s'interfaccia sui diritti negati. Presentazione
alla libreria Anto' Ax/Marco Sanna: "Quando eravamo froci" di Andrea
Pini, Andrea Maccarrone,
presentazione sezione Glbtqiz nella libreria Anto'

- Ore 20,30 - 23,00: Cena sociale.

- Ore 23,00 - 4,00: serata in trans-evolution-traschiassima
performers: Ciro cascina, gruppo percussioni Acrobax, Gruppo out
,attori e ballerini, M.M., performers di strada ex Volturno, gruppo
cento celle nights, Compagnia di drag queen di Roma (Art direct la
Karl)

- Ore 24,00: dj set
quelli di: radio torre/Alexis/Darione

Inoltre:
- Mostra fotografica una storia di 40 anni di movimento (M:M:)
- Donazione fotografica privata da Bologna "come eravamo belli" gay
camping con le madonne impunite
- istallazione audio video: Alexis, Buzzintercultura
- istallazione tablou' vivent di Luciano Parisi
- Campagna informativa contro tutte le discriminazioni.
- Presentazione della Banca Italo/europe, della nuova Moneta per
l'acquisto di buoni valore di diritti civili; gli sportelli del cambio
saranno aperti dal 20 dicembre 2014 al 16 dicembre 2015
- banchetti info realtà territoriali gay/lesbo/donne.../prevenzione
AIDS

Fino alle 20.30, ingresso a offerta libera, dalle 20.30 5 euro
sottoscrizione, più cena per le spese legali di Acrobax

Aderiscono:
Alexis/Acrobax
Poroject/MarioMieli/LiberaRugby-allreds/Buzzintercultura/collettivi
sciolti./serigrafia Acrobax

pubbliche relazioni: Beltazor, Roma, 3334327203
-----------------------------------------
NEL SITO http://cinegay.it/ TUTTI I VIDEO (ESCLUSO I FILM) POSSONO ESSERE
SCARICATI GRATIS! VAI NELLA PAGINA DEL VIDEO CHE TI INTERESSA E CLICCA SU
"DOWNLOAD VIDEO".SE VIVI LONTANO, GODITI I VIDEO!

Giovedì 4 Dicembre 2014 alle ore 18:00 sarà presentato il libro di Paola Morgese “Manuale per progetti sostenibili – Sostenibilità globale e project management” presso l’associazione Lux in Fabula di Pozzuoli, Napoli, nell’ambito della rassegna “Di segno In segno”.

Alcuni dei ragazzi e delle ragazze, che svolgono il servizio civile presso l’associazione, presenteranno un video e dei loro contributi su esempi positivi e ripetibili di progetti sostenibili nel campo ambientale, sociale ed economico, realizzati dalla stessa Lux in Fabula o da altre realtà locali. Un dibattito finale concluderà l’evento.

I lettori e le lettrici, che porteranno con sé una copia del libro, potranno farsela autografare dall’autrice.

Per ulteriori dettagli ed aggiornamenti visitare la pagina Facebook del manuale o quella degli eventi dell’associazione.
http://www.facebook.com/manualeprogettisostenibili
http://www.luxinfabula.it/?p=news&id=news_fut 





Paola Morgese, PMP
Ingegnere civile idraulico
Specialista in ingegneria sanitaria ed ambientale
http://it.linkedin.com/in/ingpaolamorgese/en
http://www.facebook.com/manualeprogettisostenibili(

La Redazione

(Riproduzione riservata ©)

NUOVI VIDEO ONLINE dopo la proiezione del film 'Nous etions un seul homme' all'Acrobax
 

Dopo la PROIEZIONE DEL FILM GAY INEDITO "Nous étions un seul homme" ALL'ACROBAX (più info sul film e su come arrivare: su www.cinegay.it - dalle 19,30 cena; sala riscaldata), eccovi alcuni video online da
vedere e scaricare gratis.

Cortometraggio: "Go Go Reject" (USA 2010, 19 min.): L'eccessivamente ottimista Daniel vorrebbe lasciare il suo monótono lavoro alla "Yogurt World" e realizzare il suo sogno di sempre: diventare un go-go boy. Ma, pur se il nostro eroe balla in maniera sublime, questo sogno si scontra con la realtà: i go-go boys vengono selezionati più per i loro muscoli che per la loro capacità di ballo. Ma Daniel è determinato; riuscirà nel suo intento? Un cortometraggio divertente
che ci fa capire che, in questo mondo gay spesso basato sull'apparire,
l'intelligenza a volte può contare più della bellezza..
PER VEDERE E SCARICARE IL VIDEO, CLICCA O COPIA E INCOLLA QUI:
http://buzzintercultura.blogspot.it/2014/11/go-go-reject-cortometraggio-gay-sui-go.html
-------------------------------------------------------
Spot TV: "Pubblicitá contro l'omofobia nelle scuole promossa dal Partito Socialista spagnolo" [Campaña del PSOE en el Congreso para combatir la homofobia en los colegios] (Spagna 2013, 1 min.): Mentre in Italia assistiamo a penosi spettacoli di chi combatte l'educazione contro l'omofobia, in altri paesi continuiamo a ricevere lezioni di civiltà, come nel caso di questo spot spagnolo. Attraverso lo scenario di un giorno qualunque in una scuola, il Partito Socialista Spagnolo ha presentato, per il giorno internazionale contro l'omofobia una campagna di sensibilizzazione e iniziative nel parlamento spagnolo e nei mass media di quel paese per prevenire il bulling dovuto
all'orientamento sessuale. Viene spiegato che, con questo video,vogliono fare "un appello alla società di fronte alla terribile situazione che vivono migliaia di bambine, bambini e adolescenti nella scuole e istituti".
PER VEDERE E SCARICARE IL VIDEO, CLICCA O COPIA E INCOLLA QUI:
http://buzzintercultura.blogspot.it/2014/11/spot-tv-pubblicita-contro-lomofobia.html
-------------------------------------------------------
NEL SITO http://cinegay.it/ TUTTI I VIDEO (ESCLUSO I FILM) POSSONO ESSERE
SCARICATI GRATIS! VAI NELLA PAGINA DEL VIDEO CHE TI INTERESSA E CLICCA SU
"DOWNLOAD VIDEO".SE VIVI LONTANO, GODITI I VIDEO!
 -----------------------------------------
LA RASSEGNA NON HA FINI DI LUCRO ED HA LO SCOPO DI DIFFONDERE LA
INTERCULTURALITÁ. INOLTRATE QUESTA MAIL ALLE VOSTRE MAILING LIST E A TUTTI
I VOSTRI AMICI, GRAZIE

La Redazione

(Riproduzione riservata ©)

 ISCHIA FILM FESTIVAL

Al via il concorso 2015

 

Aperte le iscrizioni per la tredicesima edizione del concorso dedicato alle Location.

 

Si terrà dal 27 Giugno al 4 Luglio 2015 la tredicesima edizione dell'Ischia Film Festival, concorso internazionale dedicato alla location cinematografiche.
L'entry form per l'iscrizione di lungometraggi, documentari e cortometraggi, all'edizione 2015 è pubblicata sul sito del festival.

Al Festival possono partecipare tutte le opere che abbiano valorizzato il territorio attraverso la scelta delle location, promuovendone così la realtà storica sociale ed umana, le tradizioni e la cultura.
La deadline per inviare le opere è fissata al 10 Aprile 2015.

L'iscrizione può essere effettuata compilando il form pubblicato nella nostra pagina: Iscrizioni al Concorso

Per chi lo preferisse, l'iscrizione può essere effettuata anche attraverso i più noti portali per filmmaker:  FilmFreeway - Festhome - Movibeta - ClickForFestival

L'edizione 2014 del festival ha visto la selezione di 107 lavori da oltre 30 paesi con  tra le quali 7 anteprime mondiali e 28 anteprime nazionali. Un’annata arricchita da incontri e grandi maestri del cinema come il premio Oscar Bille August, il regista iseraeliano Amos Gitai, la grande documentarista Cecilia Mangini ed il presidente di edizione, il regista Pupi Avati. Innumerevoli gli incontri con importanti nomi della cinematografia italiana, quali Fabio Mollo, Nello Mascia, Mattia Sbragia, Davide Ferrario, Alessandro Rossetto, Edoardo Winspeare, Angelo Longoni ma anche di grandi autori stranieri come Matti Ijäs e Wu Qing oltre a moltissimi prestigiosi autori di film, documentari e cortometraggi in selezione.

Il festival non assegna premi in denaro ma tutti gli autori selezionati avranno diritto ad una notte di ospitalità alberghiera ad Ischia (la sera in cui sarà proiettato il proprio lavoro). Per gli autori che arrivano dall’estero l’ospitalità alberghiera sarà estesa a due notti.

La Direzione del Festival nominerà una giuria di esperti incaricata di assegnare il premio “Ischia Film” al documentario ed al cortometraggio ed all'opera dche hanno maggiormente valorizzato le location nonchè al miglior lavoro della sezione “Location Negata”. La Giuria si riserva altresì di attribuire, tra le opere in concorso, riconoscimenti e menzioni speciali.

La Direzione del Festival in accordo con il comitato d’onore ed il comitato direttivo del Festival, assegnerà inoltre i seguenti premi:
Premio “Ischia Film” al lungometraggio che ha maggiormente valorizzato le location.
Premio “Castello Aragonese” Al miglior regista
Premio “Aenaria” Al miglior scenografo
Premio “Epomeo” Al miglior direttore della fotografia

Tre i cortometraggi e documentari in concorso saranno poi assegnati i seguenti riconoscimenti:
Premio speciale Augustus Color: servizio di sviluppo e telecinema per mt. 2000 di negativo S16mm oppure per mt. 5.000 di negativo 35mm (pari ad un valore di €. 1.500,00). Nel caso in cui le riprese siano effettuate in digitale, verranno eseguite in omaggio tutte le lavorazioni richieste dal cliente fino ad un valore di €. 1.500,00.
Premio speciale AncheCinema per i cortometraggi (durata massima 15 min.) che sarà riconosciuto ed assegnato dallo Staff del Festival al vincitore, in caso di accettazione del predetto vincitore,  e  consistente in un contratto di distribuzione con la Anchecinema srl  di Bari.

Per informazioni sulle precedenti edizioni visita il sito ufficiale del festival o sfoglia i Cataloghi o il database degli anni passati.


Redazione 

(Riproduzione Riservata ©)

Acronimo Costanzo . Video ufficiale di "Ho detto tutto a letto"

Dopo il successo radiofonico di “Fatti Mandare” torna Acronimo Costanzo con “Ho detto tutto a letto”, singolo che dà il nome ed anticipa l’uscita del nuovo album del cantautore campano previsto per novembre su etichetta Suono Libero Music e distribuito nei negozi ed online da Believe Digital. Il brano tratta, con delicatezza assoluta e da una chiave di lettura assolutamente inedita, il tema dell’omosessualità. Una coppia in crisi che risolverà i propri problemi confessandosi “l’amore diverso”.

 La regia del videoclip è affidata a Claudio D’Avascio, regista partenopeo che ha collaborato, tra gli altri, con Raf e Neffa.

 

 

La Redazione

(Riproduzione riservata ©)

 Clementino si confessa a Radio Club 91

 

"Qual è la capitale della Birmania? Io risposi Bagnoli e ho scoperto che in Oriente, a tavola, capiscono il napoletano". Il rapper partenopeo ospite a Radio Club 91, stuzzicato dalle domande di Noemi De Falco e Janpa Serino, ci ha svelato i retroscena dell'esperienza a Pechino Express e le anteprime del concerto di chiusura (stasera all'Arena Flegrea a Napoli. Aprirà suo fratello Paolo l'ultima tappa del tour "Mea Culpa, già titolo dell'album certificato disco d'oro, con 32 mila copie vendute). "Ho la tachicardia per stasera - confessa -  quando sei insicuro è solo perché vuoi far bene". E ha un altro desiderio: "Andare, sempre con mio fratello Paolo, a Sanremo". Non prima però di essersi ritemprato: "un mese e mezzo senza uno spaghetto e vongole (a Pechino Express) per un napoletano è dura". E sui reality è selettivo: "ho scelto l'unico riconosciuto dalla critica, anche perché - ironizza - non ho cultura e allora era una buona occasione per viaggiare e confrontarsi col mondo, sbirciare altri luoghi. E' tutto vero, in quel programma si fatica sul serio".  Ma all'alieno del rap italiano è mancata la sua terra, soprattutto dopo questo giro del mondo, tanto più che è costretto a starci lontano anche in Italia, da quando vive prettamente a Milano.  Cresciuto nel nolano preserva e celebra le sue origini nei testi e nella sua musica come in O' Vient che lo ha fatto conoscere al grande pubblico e ha lanciato interessanti collaborazioni con altri artisti come Fabri Fibra in "Non è gratis". E l'amore? Le fan possono stare tranquille tra lui e Mariana Rodriguez "non c'è nulla, siamo solo amici" e la lancia : "è la nuova Belen".

 

 

 

Francesca Cicatelli

Radio Club 91

La Redazione

(Riproduzione riservata ©)

Premio Internazionale per Asteria Multimedia

 

 

 

 

Asteria Multimedia celebra i suoi 20 anni con un prestigioso riconoscimento: il premio internazionale FIAMP 2014, il Festival Internazionale dell'Audiovisivo e del Multimedia sul patrimonio organizzato dall'AVICOM, il Comitato internazionale per l'audiovisivo e le nuove tecnologie dell'immagine e del suono dell'ICOM (International Council Of Museum).

La manifestazione valorizza la realizzazione e la diffusione di prodotti audiovisivi (film, video) e multimediali (CD-Rom, DVD-Rom, siti web, programmi interattivi) destinati ai musei.

Con il filmato "Time Machine", progettato e realizzato per l'allestimento del MUSE, il nuovo Museo delle Scienze di Trento, Asteria Multimedia ha vinto il premio Gold per la categoria medio metraggio.

In 20 anni abbiamo progettato e realizzato 80 esposizioni in 20 città italiane, da Palermo ad Aosta. Allestimenti museali scientifici (MUSE, Trento http://www.muse.it/it/Pagine/default.aspx ) tecnologici (MAUTO, Torino https://vimeo.com/26011897 ) naturalistici (ben 30 i parchi nel nostro portfolio) artistici (MART, Rovereto http://www.mart.trento.it/ ) aziendali (Hydrotour Dolomiti Energia, Trento http://www.hydrotourdolomiti.it/content/it/santa-massenza ) e di archeologia industriale (MAGMA, Follonica http://www.magmafollonica.it/ ), ma anche dimore storiche (Casa di Giulietta, Verona https://www.youtube.com/watch?v=e4rCU29Ofg0) siti di valorizzazione culturale (Solfare, Caltanissetta http://vimeo.com/63411972) e stand fieristici (A22 VIATEC 08, Trento https://www.youtube.com/watch?v=Is9eFjTK7Mg ) solo per citarne alcuni.

Dal 2013 abbiamo mosso i primi passi nel mercato globale, inaugurando l’ufficio di rappresentanza a Parigi e realizzando allestimenti permanenti e temporanei e prodotti multimediali anche in Francia (Planétarium, Reims; Maison de l’Alpage Itinerante Bourg Sant Maurice).

In questi anni, oltre al FIAMP, abbiamo ottenuto importanti riconoscimenti, come il premio BUSINESS MEETS ART - gennaio 2014, con il Museo delle Arti in Ghisa della Maremma (MAGMA) di Follonica. La manifestazione, nata nel 2012 e curata dall’Associazione culturale ETRARTE promuove il connubio tra il mondo dell’arte e quello dell’impresa. Il MAGMA è stato presentato in occasione del premio CREAA, dedicato a quelle società che hanno svolto attività e progetti culturali di spessore tra il 2010 e il 2014.

Tra i nostri musei insigniti di importanti riconoscimenti: il MUSE (Museo delle Scienze di Trento) che ad aprile 2014, ha vinto il premio Luigi Micheletti - Fondazione Luigi Micheletti e European Museum Academy. Riconoscimento assegnato annualmente al migliore museo europeo che si è distinto per capacità di innovazione nell'ampio settore della storia contemporanea, dell'industria e della scienza.

Inoltre, tra i musei di cui ha parlato la stampa internazionale, il MAUTO, Museo dell'automobile di Torino, che il TIMES ha messo al 35° posto tra i 50 musei più interessanti al mondo. (http://www.asteria.it/INT_UK_TheTimes_2012.pdf)

Oggi vi presentiamo la nuova veste grafica di Asteria Multimedia, ideata per l'occasione del nostro 20esimo compleanno.

Grazie a tutti gli amici ed i collaboratori che ci hanno permesso di ottenere questo enorme successo.


La Redazione

(Riproduzione riservata ©)


Corso di Sceneggiatura Cinematografica TURNING POINT A Napoli

 

Volete diventare sceneggiatori cinematografici?

A breve inizieranno a Napoli i corsi di sceneggiatura dell’Associazione Turning Point.

Il corso, strutturato in diversi livelli, si rivolge a studenti delle scuole superiori e universitari, appassionati e professionisti. I partecipanti  acquisiranno la capacità teorica e tecnico/pratica di scrivere per l’audiovisivo e, in particolare, di scrivere film per il cinema.

Il corso prevede, infatti, una parte teorica e una pratica/laboratoriale che, fin dalla prima lezione, metterà i partecipanti nella condizione di comprendere realmente le dinamiche creative di un film.

 

Il corso è diviso in due moduli:

-          MODULO BASE – 12 LEZIONI (3 MESI)

-          MODULO AVANZATO – 24 LEZIONI (6 MESI)

-          CORSO COMPLETO (base + avanzato) – 36 LEZIONI (10 MESI)

E’ possibile candidarsi a uno dei due moduli o al corso completo (base + avanzato).

Il modulo base prevede la creazione di un soggetto cinematografico.

Il modulo avanzato prevede la creazione di una sceneggiatura cinematografica.

L’evento conclusivo del corso completo e del modulo avanzato sarà la presentazione dei picth a produttori cinematografici.

Il corso è a numero chiuso e si accede attraverso una selezione.

Il candidato dovrà inviare, entro il 31 settembre 2014, alla mail del corso corsoturningpoint@gmail.com (o alla mail dell’ASCI info@ascicinema.com indicando nell’oggetto “candidatura al corso turning point” con nome e cognome e tipo di corso scelto), un elaborato (di massimo 5 pagine ) che sarà oggetto dell’incontro conoscitivo e di selezione. Per l’accesso al corso completo o al modulo base è sufficiente l’invio di un racconto. Per la candidatura al modulo avanzato è necessario l’invio di un SOGGETTO CINEMATOGRAFICO di massimo 10 cartelle.

Coloro i quali saranno ritenuti idonei alla partecipazione saranno contattati dall’organizzazione.

Le lezioni si terranno a Napoli, in Piazza Trieste e Trento 48 presso la sede dell’ASCI l’Associazione Scuola Cinema Italiana.

Per quanto concerne le date e i costi, possono essere riassunti come segue:

 

MODULO BASE

Tutti i lunedi

Dal 13 ottobre 2014 al 19 gennaio 2015

Dalle 14.30 alle 18.30

300 euro + 50 di iscrizione

MODULO AVANZATO

Tutti i martedì

Dal 14 ottobre 2014 al 31 marzo 2015

Dalle 14.30 alle 18.30

600 euro + 50 di iscrizione

CORSO COMPLETO

Tutti i lunedì

Dal 13 ottobre 2014 al 20 luglio 2015

Dalle 14.30 alle 18.30

950 euro + 50 di iscrizione

 

A tutti i partecipanti verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

Per i partecipanti al corso completo e al modulo avanzato all’attestato verrà allegata la valutazione del produttore sulla sceneggiatura presentata attraverso il pitch.

 

Redazione

(Riproduzione Riservata  ©)

 


BANDO A CUI CONSIGLIAMO DI PARTECIPARE
BANDO A CUI CONSIGLIAMO DI PARTECIPARE

Comunicato stampa OMOVIES: VII edizione!

 

Cari e Care,

quest’anno OMOVIES è arrivato alla sua VII edizione e con grande orgoglio che siamo lieti di annunciarvi che sono online il bando e la scheda di iscrizione 2014 alla pagina http://www.omovies.it/?page_id=1485.

 

Condividete e partecipate, vi aspettiamo anche per questa edizione numerosi.

 

Lo Staff

 

 

==============================================

 

Dear,

 

OMOVIES this year has reached its seventh edition and it is with great pride that we are pleased to announce that the online invitation and registration form 2014 on page http://www.omovies.it/?page_id=1485

 

Share and participate, we’re waiting for you.

 

Staff

 

Redazione

(Riproduzione riservata ©)

Riciclo creativo di PAP 

 

In un piccolo paesino toscano immerso nella val di Cecina, Montegemoli, è nato un laboratorio creativo davvero originale. Sara e Giada Cantini hanno fatto del riciclo un potenziale di creatività e poesia nella cantina delle meraviglie di PAP – Progetti ad Alto Potenziale. In questo laboratorio di riciclo creativo si realizzano oggetti nuovi con materiali usati cercando di dar vita a una fonte di ispirazione poetica o di coinvolgimento emotivo nei potenziali e futuri possessori. Teiere, piatti, camere d’aria di bici e tanti altri oggetti della nostra vita quotidiana possono conoscere nuova vita, anche artistica, attraverso il lavoro del PAP. Gli oggetti unici nel loro genere possono essere acquistati online, ma presto le due ideatrici hanno in cantiere l’allestimento di uno spazio d’esposizione a cui sono chiamati partecipare tutti gli artigiani locali per dar vita a un circuito artistico e artigianale alternativo.

 

Giovanna D’Urso

(Riproduzione Riservata ©)

 

Clementino è Disco d'Oro "Mea Culpa" nell'albo dei dischi più venduti di sempre

 

E il successo continua con la hit estiva "L'Urlo di Tarzan"

 

Una soddisfazione immensa per la "Iena White": Mea Culpa è disco d'oro, e Clementino lo annuncia ai fans direttamente dalla sua pagina Facebook ufficiale, condividendone la soddisfazione con autori, produttori, etichetta discografica, e dedicando questo traguardo al sud, al mondo del rap e a tutto l'agro nolano in cui è cresciuto. Un album ricco di collaborazioni (da Jovanotti a Rocco Hunt, Fabri Fibra, Negrita, Il Cile, Gigi Finizio, Marrakech e molti altri) che ha sbancato sia nei negozi che negli stores digitali. Ma il successo di Clementino continua senza sosta, grazie al singolo "L'Urlo di Tarzan", in trio con Gigi Soriani e Massimo D'Ambra, una superhit estiva ed orecchiabile che impazza nelle radio, corredata da un videoclip divertente ed accattivante (link YouTube: http://youtu.be/MWxXLnfClsI). Il singolo è disponibile sui digital stores e nei negozi di dischi, con copertina fumettata dall'illustratore Armando Borrelli, su etichetta Netzwork Records,.

 

“L’architetto secondo il Sindaco del Rione Sanità”, video pubblicato da Studio 147 su YouTube, tratto da uno dei capolavori indiscussi del maestro Eduardo De Filippo che descrive magistralmente (ahimè!) la situazione dell’architetto e il suo rapporto con la committenza.

Un Must di Studio 147 che ha già totalizzato 17.250 visite e che vale la pena di vedere almeno una volta nella vita.

 

Baci d'Oriente e Lacrime Napulitane

 

Presso il Museo del Mare, Via di Pozzuoli 5,  Bagnoli, Napoli:

 

il 21/03 /2014  è  Festa di Primavera.

Il Programma prevede alle 18,30

·Visita guidata al Museo del Mare

·Poesie e danze orientali

·Tarallucci e vino

·Canzoni napulitane classiche

L’ingresso è gratuito; è gradita la prenotazione.

Tel 081 19361967 mobile 3491882181 / 3388025695

 

Prof. Antonio Mussari

Direttore  del Museo del Mare di Napoli

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

Avrei bisogno di parlarti - Vittorio Merlo

“E oggi finalmente ti ho incontrato

In un posto strampalato

Dove tu non sei mai stato

Dentro gli occhi di un signore un po' attempato

Ma con lo stesso sguardo intelligente

La stessa voglia di discutere e parlare

E il dono di ascoltare”.

 

È con queste parole che inizia “Avrei bisogno di parlarti”, la commovente canzone di Vittorio Merlo, cantautore segnalato già nel 2001 sia dalla stampa italiana che da quella internazionale come il più ascoltato in Rete.

La canzone, dedicata al padre (scomparso qualche anno fa), venne pubblicata nel suo primo CD, “Ho sognato Bruno Vespa” ma oggi viene riproposta in Rete, corredata dal video color seppia del matrimonio dei genitori del cantante.  

Una decisione, quella di rilanciare “Avrei bisogno di parlarti”, presa a causa del forte coinvolgimento del pubblico, che il cantautore ha notato durante la sua esecuzione nei concerti live. La canzone, in effetti, arriva subito al cuore, sia per le parole che per la musica, malinconica ma speranzosa.

 

“Siamo a Castelleone (Cremona),1953. […] Sembra passato più di un secolo: si vede di sfuggita un topolino, sono tutti magri ma felici, è il secondo dopoguerra” - ricorda Vittorio Merlo, che prosegue: “Io sono nato poi nel 1959 ed ero già il quarto di cinque figli. Mio padre ci ha lasciati nel 2000 a 73 anni e ci siamo lasciati tante cose ancora da raccontarci tra Inter, Ferrari e politica nelle nostre telefonate tra Lussemburgo e Milano”.

 

L'autore vive infatti nella capitale del piccolo Stato europeo dal 1994, quando vi si trasferì insieme a tutta la famiglia (è padre anche lui di cinque figli) e dove lavora come bibliotecario per la Corte di giustizia dell'Unione Europea.  

La “nuova” vita non gli ha però fatto dimenticare le sue radici, come si può vedere nel breve video della canzone: “È stato molto emozionante montarlo e mi fa piacere condividerlo”, racconta Merlo, che ha messo a disposizione il suo video su Youtube, Amazon e iTunes. La canzone è anche presente in MEET'n'RADIO di novembre, la compilation per Radio e web/Radio di On Mag Promotion, ufficio stampa musicale.  

E pensare che Vittorio non ha mai studiato musica, a differenza del fratello a cui, i primi tempi, chiedeva di mettere le sue canzoni su spartito. Per il resto, lui ha sempre e “solo” arrangiato le sue parole su chitarra. Almeno fino a quando non scoprì internet e la possibilità  che offriva a chi voleva far conoscere al mondo le sue canzoni. Da lì è stata tutta un'escalation: oltre centocinquantamila contatti e un posto fisso nella top ten di Mp3.com.  

Oggi è così apprezzato a livello internazionale che una sua canzone (“Ferrari”) è stata persino pubblicata su un testo scolastico austriaco, per gli studenti di lingua tedesca che vogliono imparare l'italiano.

 

Roberta Isceri

(Riproduzione Riservata®)

Commenti: 0 (Discussione conclusa)
    Non ci sono ancora commenti.

La mostra Kappacento di Nicola Piscopo

Conferenza stampa: Napoli News Magazine e NeWage, un progetto editoriale innovativo

Associazione Anter: partner di Premio Città - Futuro

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

Commenti: 0

La preservazione dell'ambiente e del territorio parte dall'amore per la propria terra. Non esiste uomo che non cerchi di tutelarla, e, con essa, tutte le attività produttive su di essa e grazie ad essa svolte. Talvolta, però, c'è un'ombra malefica che si abbatte sui territori. Sono gli uomini del terrore, dei soprusi, delle "regole" a cui non ci si può sottrarre, delle "teste di legno" che ancora oggi gestiscono gran parte del panorama socio-economico-politico italiano. Lo chiamavano "racket". Io ero lì, presente (ved. video: http://www.youtube.com/watch?v=02I_8tOCJdo&feature=youtu.be), in quanto sostenitrice della famiglia dal primo giorno che l'ho conosciuta, più come amica che come giornalista. Il mio grazie ai coniugi Orsino per avermi accolto con dignità nella loro villa "seminuda", poi soggetta al sigillo e messa all'asta. La triste storia di coloro che hanno avuto il coraggio di denunciare, ora risoltasi in nuova linfa vitale di reazione. Certi sorrisi e strette di mano non si dimenticano mai!

 

Qui di seguito la videopresentazione del libro di Luigi Orsino, vittima dell'innominabile fenomeno, la cui storia è narrata sapientemente ne "La carezza del male", edito da A&A. Per info e prevendita: http://aeaedizioni.it/index.php?route=product/product&product_id=101

 

Tale video è stato prodotto da TeleAnastasia, che ha concesso a NeWage i diritti di pubblicazione e diffusione dello stesso. Ci scusiamo per l'errore di battitura (errata corrige: "biblioteca" in lugo di "bibblioteca").

 

Per motivi di sicurezza, su questo video non sono stati disattivati i capchta. Chiunque volesse commentarlo può inviare un'e-mail a redazionenewage@gmail.com.

 

Lidia Ianuario

(Riproduzione riservata ©)

 

 

 

Commenti: 0
Per favore, inserisci il codice:

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

Su gentile concessione di e-Mobility World

An interview received (Lidia Ianuario) - Un'intervista ricevuta (Lidia Ianuario)